Un living caldo ed eclettico: come realizzarlo

Un living caldo ed eclettico: come realizzarlo

Mixare stili diversi per creare uno spazio accogliente

Altro progetto del mese (che ritornerà ad ottobre sulla mia pagina Facebook). Anche questa volta la richiesta era di ripensare la zona giorno di casa.

Il progetto di questa zona giorno è partita da una situazione già molto buona. Lo spazio ampio, complesso, già diviso in aree funzionali utili per diversi momenti della giornata e con pezzi di arredo già belli richiedeva di essere ripensato ed armonizzato.

Un living caldo ed eclettico

L’obiettivo che ci siamo prefissati con Veronica era di ottenere uno spazio caldo, capace di accogliere alcuni pezzi di arredo già presenti e diversi tra loro, uno spazio che rispondesse alle esigenze di una coppia giovane, dinamica.

Per questo progetto sono partita dallo studio del colore, dovendo inserire nel progetto sia il bel divano grigio già presente, sia il grande tavolo (dal sapore Industrial) e dalla presenza di tre aree distinte e contigue: l’ingresso, la zona pranzo e la zona divano/tv.

Un living caldo ed eclettico: come realizzarlo

Una delle caratteristiche che più amo di questo spazio è che non c’è un pezzo forte, non c’è un pezzo che prevale sull’altro per importanza tale da essere un catch-eye totalizzante.

No, l’obiettivo questa volta era di realizzare una zona giorno da scoprire e vivere a 360°, ricca di piccoli dettagli che sommandosi avrebbero creato uno spazio adatto a ricevere amici così come ad accoglierci alla sera dopo una giornata fuori.

Come realizzare quindi un living caldo ed accogliente?

Parti dalla disposizione. Quella di Veronica era già perfetta, e così è rimasta, ma spesso anche spazi molto grandi possono essere poco funzionali se non sfruttati e pensati a dovere.

Pensa a ciò che hai già o a ciò a cui proprio non puoi rinunciare e definisci il loro spazio nell’ambiente.

Infine, non avere paura. Stratifica, osa, accosta. Crea una palette colori che ti rispecchi, punta su colori caldi, su tessuti ricchi o su stampe e sul creare una buona base “neutra” da arricchire.

In questo caso specifico ho optato per carta da parati (Cole & Son), colore neutro alla pareti, elementi contrastanti e molto legno come partenza per poi giocare con cuscini a contrasto ed un bel verde chiaro per la poltrona.

Se anche tu hai il parquet a terra ti consiglio di considerare essenze diverse da quella che hai già, il legno diventa come il colore: se tutto sarà omogeneo non creerà profondità, non creerà contrasto e non arricchirà la tua palette.

Un living caldo ed eclettico: come realizzarlo
Ispirazioni diverse da diversi stili: il perfetto stile eclettico

Per creare un perfetto stile eclettico (te ne parlerò in un post che ho già in bozza) puoi lasciarti andare e puoi seguire diverse ispirazioni. E’ uno stile perfetto per questo caso particolare perché alcuni arredi già presenti, seppur armonici tra loro, risultano decisamente di stili diversi. Matcharli insieme in questo caso però farà sì che lo spazio sia decisamente personale e caratterizzato.

Un pezzo vintage, una lampada di recupero, un grande tappeto di ispirazione orientale, pezzi di metallo qua e là e l’effetto wow è assicurato.

La luce: usala per creare atmosfere

No, non ho sbagliato. Ho volutamente usato atmosfere perché spesso si pensa alla luce solo come punto di arredo centrale. Ed invece in uno spazio così composito, ma in generale per qualsiasi spazio piccolo o grande che sia, e per creare uno spazio accogliente e caldo grande importanza dovrai dare alla diversificazione dei punti luce.

Un living caldo ed eclettico: come realizzarlo

Una piantana nell’angolo lettura con la sua poltrona, una grande luce da tavolo sul mobile centrale, una piccola luce di design all’ingresso ed i due grandi punti luce, rispettivamente a caratterizzare zona pranzo e zona divano.

Sono letteralmente innamorata di questo spazio e credo si sia capito. E tu cosa ne pensi?

Spero possa esserti di ispirazione e ti aspetto il primo ottobre su Facebook per i nuovi progetti del mese!

Alla prossima,

Vittoria

Ti potrebbero interessare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!