Un cinnamon bun e la fika svedese

cinnamon bun dolci hygge

I “Dolci Hygge” di Bronte Aurell

 

Questa è la storia di un dolce, di un dolce speciale. Proprio oggi, 4 ottobre, ricorre infatti il Cinnamon Bun che se non sai cosa è (anche se ne dubito) lo potrai scoprire a breve.
Il cinnamon bun ( o kanelbulle) è un tipico dolce dei paesi del nord, Svezia per essere esatti, ed è uno dei più famosi ed “esportati” nel mondo. Un dolce fragrante e al profumo di cannella che accompagna le pause caffè svedesi e non. E da qui mi collego subito alla fika. La battuta sarebbe facile e probabilmente ci avrai pensato anche tu.
La fika, però, altro non è che appunto la pausa caffè così sacra nei paesi del Nord, tanto da diventare un momento di condivisione anche nei luoghi di lavoro. Pare infatti che molte aziende abbiano reso la fika una vera e propria pausa regolamentata in orario di lavoro (nella sala fika) in cui eliminare le gerarchie aziendali e creare un ambiente friendly e più sereno. E pare anche che siano riusciti nell’intento.
cinnamon bun scandikitchen
Oggi in occasione della festa del cinnamon bun vorrei parlarti di un altro libro di ricette che mi piace moltissimo. Come ti ho già detto nel post dedicato a Fragole a merenda, mi capita spessissimo di comprare libri da cucina. Tra i miei preferiti ci sono quelli di Bronte Aurell, una giovane donna danese che insieme al marito, nella cosmopolita Londra, hanno dato vita al loro caffè (nel West End), ScandiKitchen, in cui propongono dolci della tradizione scandinava perfetti per la fika.
Oggi protagonista del post sarà il primo e più famoso dei suoi libri, edito da Luxury Books, Dolci Hygge. Anche in questo caso richiede una menzione la parte grafica del prodotto. Foto bellissime di Peter Cassidy, impaginazione elegante e vista completamente appagata.
cinnamon bun scandikitchen
Nell’introduzione al libro Bronte e Jonas Aurell scrivono:
Negli anni, da quando abbiamo aperto i battenti, la percezione della Scandinavia dall’esterno è cambiata molto. Quando abbiamo cominciato, nessuno conosceva il termine fika e hygge era solo l’ennesima parola danese impronunciabile. Oggi si scrivono libri sui concetti di fika e hygge, e sembra davvero che tutti si stiano rendendo conto di quanto sia meraviglioso ricordarsi di fare una pausa dal trambusto delle nostre affaccendate routine quotidiane. Siamo sicuri che l’avrebbero fatto anche senza l’aiuto della Scandinavia, ma è importante avere le parole per definire ciò che si sente.
Dolci Hygge inizia con due interessanti appendici: la dispensa di Scandikitchen e una serie di ricette base che serviranno per altre preparazioni del libro.
Le sezioni presenti sono:
– Biscotti & cookies
– Dolci, al forno o senza
– Pausa dolce quotidiana
– Pasticcini golosi
– Torte per le feste
– Pani e pastelle.
Proprio di quest’ultima categoria fa parte la ricetta protagonista di questo post: i cinnamon buns.
Dai panini morbidi alle friabilissime paste danesi, in Scandinavia c’è un enorme tradizione di prodotti da forno con impasti lievitati dolci. Non c’è niente di più confortevole di stare a guardare il mondo che va avanti mentre si prepara un’infornata di cinnamon buns. E’ essenziale avere una buona ricetta dei cinnamon buns (kanelbullar), perchè saro il dolce scandinavo che farai e rifarai. non dimenticare di mettere un pò d’amore nell’impasto: li rende buonissimi.
Nel mese di novembre della Challenge Hygge che ho postato qualche mese fa c’era proprio l’invito a metterti alla prova con una nuova ricetta. Perchè non con i cinnamon buns? Ecco la ricetta di Bronte Aurell.
cinnamon bun
Ingredienti per l’impasto
25 g di lievito fresco
250 ml di latte intero scaldato (36/37 C°)
80 g di burro fuso e raffreddato leggermente
40 g di zucchero
400/500 g di farina per pane
2 cucchiaino di cardamomo in polvere
1 cucchiaino di sale
1 uovo, sbattuto
Ingredienti per il ripieno
80 g di burro a temperatura ambiente
1 cucchiaino di farina bianca
1 cucchiaio di cannella
1/2 cucchiaio di cardamono in polvere
1 cucchiaino di zucchero vanigliato
80 g di zucchero
1 uovo per spennellare prima di infornare
Ingredienti per la copertura
3 cucchiai di sciroppo d’acero scaldato leggermente
granella di zucchero
Prepara due teglie unte e rivestite con carta da forno e mettile da parte.
Se usi il lievito fresco, uniscilo con il latte caldo in una ciotola e mescola finché è sciolto poi versalo nel mixer (c’è chi lo fa a mano il procedimento). Unisci il burro fuso intiepidito e impasta per 1 minuto. Intanto prepara in una ciotola la miscela composta da circa 450 gr di farina per pane, il cardamomo e il sale e mescola.
All’impasto nel mixer aggiungi lo zucchero e poco per volta la farina e le spezie appena preparate. Dopo aver inglobato tutta la farina unisci metà uovo sbattuto all’impasto e continua ad impastare per 5 minuti. L’impasto dovrà risultare appiccicoso. A questo punto coprire con la pellicola e lasciarlo riposare per 30 minuti o finchè ha raddoppiato il suo volume.
Una volta lievitato dovrai lavorarlo e stenderlo su una spianatoia in modo da formare un rettangolo 40×50 cm (io non l’ho mai misurato sinceramente). 
Ora è arrivato il momento di prepara la farcia. Mescola in una ciotola il burro, la farina, le spezie ed i due tipi di zucchero in modo da creare una crema scura e profumata che dovrà essere stesa uniformemente sul rettangolo di pasta già steso.
Piega il rettangolo su sè stesso per due volte (non ti preoccupare vedrai il video giù) e taglialo in 16 strisce per il lato lungo. Adesso viene il bello. Attorciglia la striscia diverse volte e poi crea un nodo aiutandoti con le dita. Metti i nodi nelle teglie da forno preparate, ben distanziati tra loro e lasciali riposare per altri 30 minuti protetti da un canovaccio. A questo punto scalda il forno statico a 200°C, spennella i nodi con l’altra metà dell’uovo sbattuto e cuoci nel forno caldo per circa 10/12 minuti o finché sono dorati.
Sfornali ed ancora caldi spennellali leggermente con lo sciroppo d’acero scaldato leggermente e cospargili con la granella di zucchero. Ricordati di coprirli con un canovaccio umido per qualche minuto per evitare che si secchino.
Il procedimento sembra lungo e complesso ma ti assicuro che se ci sono riuscita io (con il Bimby) può riuscirci chiunque.
Ma, visto che le immagini sono esemplificative meglio di qualsiasi parola, ti lascio il video che la stessa autrice ha realizzato sul procedimento per preparare i cinnamon buns con la sua ricetta. E’ in inglese ma i passaggi sono quelli spiegati in questo post per cui sarà facilissimo seguire il procedimento della Aurell.

Ringrazio le ragazze del gruppo Progetto Blog per avermi dato la possibilità di parlarti di questo dolce e soprattutto di questo libro che sono sicura non potrà deluderti.
A presto,
Vittoria

Acquista su Amazon.it

Vittoria, qualche anno in più di 30 e molte passioni. L’interior la più grande.

Ti potrebbero interessare

2 comments

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!