Hai un bagno piccolo? No problem

Come arredare un bagno piccolo: istruzioni per l’uso

Hai anche tu un bagno piccolo in casa vero? Magari è il tuo secondo bagno o forse il primo, ma sappi che non sei la sola o il solo in questa situazione. La realtà è che, specie nelle grandi città e specie nell’edilizia residenziale standard, i bagni si fanno sempre più piccoli, prediligendo la doccia alla vasca e scegliendo di aumentare di qualche centimetro una delle stanze da letto che in genere sono adiacenti. Bene, se ti trovi in una situazione del genere o vuoi cercare di far sembrare il tuo bagno più grande stai leggendo il post giusto.

Partiamo da un fatto oggettivo: possiamo lavorare solo sulla prospettiva e sulla percezione degli spazi. Ciò significa, in parole povere, ingannare il nostro sguardo e creare otticamente quello spazio in più che in realtà manca.

 

Doccia anziché vasca

Questa è ovvia no? Se stai ristrutturando un bagno piccolo puoi avere due possibilità: o la vasca in bagno non ci entra, quindi non c’è una scelta da fare o ci sta ed in questo caso ti invito a riflettere. Useresti la vasca come vasca? O useresti la vasca come doccia e allagheresti il bagno ogni giorno? Se la tua risposta è affermativa alla prima domanda ti consiglio comunque di inserire una vasca (con misure un po’ ridotte e forma ergonomica) ma se dovesse essere positiva alla seconda domanda opta per una doccia con un piatto un po’ più largo ed un mobile ad incasso o in cartongesso per sfruttare tutto lo spazio possibile. Se scegli la doccia scelta obbligata è il box in cristallo. Sarà il primo modo per ingannare l’occhio e far sembrare lo spazio più grande perchè non creerai nessuna quinta (divisione) nello spazio che avrai a disposizione. Ultimo consiglio: se il bagno è lungo e stretto il box doccia inseriscilo in fondo allo spazio e magari della stessa dimensione della larghezza. Piccolo ma di lusso.

 

bagno parquet
Fonte: Pinterest

 

bagno grigio
Fonte: Pinterest

 

bagno doccia
Foto: PInterest

 

BAGNO VERDE
Foto: Pinterest

 

Specchi

Piccolo spazio chiama specchi. È una vecchia regola che ormai tutti sanno, addetti ai lavori e non. Gli specchi cambiano radicalmente la percezione dello spazio aumentandone la grandezza all’occhio umano. È dunque un complemento d’arredo fondamentale che crea profondità e prospettiva nell’ambiente in cui viene inserito. Quanti inserirne? Uno o più di uno, basta che siano grandi e mai messi uno di fronte l’altro. Consiglio cornici minimal per dare risalto allo specchio piuttosto che alla decorazione.

Potresti anche pensare di realizzare una intera parete di specchi. Idea in più: fai arrivare il tuo specchio fino al soffitto.

 

bagno specchi
Fonte: TY LARKINS INTERIORS via HOUZZ

 

bagno specchio
Fonte: Pinterest

 

specchi bagno
Fonte: Pinterest

 

Sanitari a filo muro sospesi e mobili sospesi o leggerissimi

Sanitari e mobili sospesi non sono affatto una novità sul mercato. Quello che non hai magari mai valutato è che mobili e sanitari sospesi sono perfetti per ingannare il tuo occhio in uno spazio ristretto. È sempre questione di prospettive e profondità. Se non “spezzi” la continuità del pavimento, otticamente lo spazio ti sembrerà più grande perché sul piano calpestio non hai ingombri. In più i sanitari a filo muro con scarico a pavimento o a muro integrato ti permetteranno di lasciare liberi centimetri quadrati che risulteranno fondamentali per lo scopo. Ottimi anche moderni mobili da bagno ultraleggeri.

 

bagno sanitari sospesi
Fonte: Pinterest

 

bagno sanitari sospesi
Fonte: Pinterest

 

bagno sospeso
Fonte: Pinterest

 

bagno
Fonte: Pinterest

 

Colori chiari

Anche questo sembra ovvio ma in realtà non è scontato. La regola vorrebbe che si opti per colori chiari al fine di allargare visivamente gli spazi (specie la parte difronte allo specchio) però io oggi vorrei consigliarti anche altro. Un ottimo modo per dare profondità ad un bagno piccolo è creare una striscia di parquet o di ceramica o del rivestimento che più preferisci (ma ricorda che deve essere adatto al bagno, arriverà un post ad hoc) che dal pavimento sale fino al soffitto lungo una parete. Usa questa accortezza in bagni non troppo lunghi per evitare spiacevoli effetti ottici. Ottimi anche in bagni dalla forma irregolare.

 

bagno parquet
Fonte: Pinterest

 

bagno
Fonte: Pinterest

 

Piastrelle

C’è chi consiglia di utilizzare piastrelle uguali su pavimento e muri ma io in realtà non sono molto d’accordo. Anche il bagno secondo me deve essere di carattere, deve essere tuo e riconoscibile. Quei bagni asettici tutti identici proprio non mi vanno giù. Quindi quello che ti consiglio e che è perfettamente in linea con il fine di ingrandire la percezione degli spazi è di utilizzare due tipi di piastrelle in bagno. Una piastrella più neutra e chiara, ed una, in corrispondenza del lavabo, magari, molto più particolare, adatta ad attirare e focalizzare lo sguardo verso un determinato punto. Riuscirai a catturare lo sguardo di chi entra in bagno non facendogli percepire la sua “piccolezza”.

 

bagno piccolo
Fonte: Pinterest

 

bagno piastrelle
Fonte: Pinterest

 

bagno piccolo
Foto: Pinterest

 

Carta da parati

So che può sembrare strano ma una carta da parati è perfetta anche per il bagno. Utilizzala nella parete difronte alla porta e sceglila con uno sfondo che di per sé è prospettico o molto luminoso. Vedrai che differenze. Ovviamente non lo preciso ma esistono carte da parati adatte ai bagni, studiate appositamente per questi ambienti e che quindi non si rovineranno. Ed è questo tipo di carte che dovrai cercare.

 

doccia bagno
Foto: Pinterest

 

carta da parati bagno
Fonte: Pinterest

 

bagno
Fonte: vogliadiristrutturare.it

Porta a scomparsa

Proprio di recente ho inserito in una ristrutturazione una porta a scomparsa per un bagno piccolino. Utilizzare questo tipo di porta (arriverà anche in questo caso un articolo completo sulle porte interne) è ormai consuetudine, specie in appartamenti di piccola metratura. Avere una porta a scomparsa dà la possibilità di sfruttare pienamente lo spazio interno ma, soprattutto, quando entri in bagno non hai l’ingombro della porta che restringe la visuale o addirittura in alcuni casi mascherare parte del bagno stesso. Ovviamente c’è sempre da valutare il muro interessato che non sempre può essere adatto.

 

Dell’illuminazione non ti ho parlato ma è importantissima. Ti lascio dunque il post scritto da Pamela che tratta proprio dell’illuminazione, anche per il bagno.

 

Siamo giunti alla fine di questo articolo sui miei consigli quando ristrutturi o hai un bagno piccolo con cui fare i conti. Vedrai che con le giuste accortezze riuscirai ad ottenere un ottimo lavoro!

 

Grazie per essere passata/o ed a presto!

 

Vittoria

 

Vittoria, qualche anno in più di 30 e molte passioni. L’interior la più grande.

Ti potrebbero interessare

2 comments

  1. Ho la fortuna di conoscerti personalmente e posso dire che questo blog “sei tu”. Ok, sintatticamente la frase sarà pure scorretta, ma il significato sta proprio lì! In questi post è evidente la tua passione per tutti i topics proposti, il voler condividere tutto lo scibile in merito (maledetto conteggio parole che ti frena!) e la divertente esuberanza che ti caratterizza!
    Niente è lasciato al caso, tutto puntualmente specificato (come solo un ingegnere sa e può fare). In bocca al lupo per questa avventura: continuerò a leggerti con piacere dividendomi tra il tecnico ed il puro design!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

error: Content is protected !!