5 icone del design intramontabili: #lista2

5 icone del design intramontabili: #lista2
Altri 5 pezzi che hanno fatto la storia del design

Torno oggi sul blog con un nuovo appuntamento con la rubrica “Icone del design”. L’idea quando ho scritto il primo post ad aprile era di scriverne uno al mese, ma purtroppo alle volte siamo chiamati a rivedere i piani.

Ma bando alle ciance. Veniamo al sodo.

Contro quello che pensavo, dati alla mano, nel mese di maggio il post con la #lista1 di 5 icone del design intramontabili è piaciuto moltissimo, per cui eccomi qui con un nuovo appuntamento.

Non è possibile che non tu non abbia mai visto questo uccellino. Questo pezzo di design che tutti leghiamo al nome dei coniugi Eames però non è stato disegnato dagli Eames.

Gli Eames, Charles e Ray, marito e moglie, lo avevo adottato lungo uno dei loro viaggi.

Da chi? Da Charles Perdew, un artigiano che lavorava il legno in quel dell’Illinois. La ribalta per questo pezzo della collezione privata degli Eames, nato con lo scopo di scacciare i corvi, è arrivata quando è stato inserito nello shooting delle sedie Wire Chair per Vitra (di cui parleremo in uno dei prossimi post della rubrica). Da lì l’amore verso questo pezzo diventato icona di design per caso ma curato nell’equilibrio di vuoti e pieni e nelle dimensioni è stao inarrestabile.

Un pezzo diventato cult che oggi produce e distribuisce Vitra.

5 icone del design intramontabili: #lista2
Foto via Flinders
5 icone del design intramontabili: #lista2
Foto via Design Bestseller

Questo sgabello ha un bel pò di anni. E’ stato presentato per la prima volta nel 1933 e da allora rappresenta una pietra miliare nella storia del design scandivano. D’altronde la firma del designer non è una qualsiasi.

Alvar Aalto è infatti probabilmente, ad oggi, il più importante e conosciuto architetto finlandese della storia.

5 icone del design intramontabili: #lista2
Foto via Finnish Design Shop

I suoi pezzi hanno contribuito a portare il design scandinavo a quello che è oggi, apportando modifiche alle tecniche di realizzazione ed all’approccio al progetto.

Lo sgabello E60 ne è un esempio. Le sue gambe curvate ad L sono l’emblema della maestria degli artigiani nordici a curvare il legno con il vapore o il calore (tecnica usata tuttora). Questo sgabello, dalla forma semplicissima, rimane a distanza di quasi 80 anni uno dei pezzi di design scandivano maggiormente conosciuto a livello mondiale.

Foto via Finnish Design Shop

Usato in una grande varietà di modi, dal comodino alla seduta in più in salotto fino alla cameretta, è impilabile e disponibile in svariati colori. E’ prodotto dal marchio Artek.

Sentiti pure libera/o di regalarmi una di queste sedie. La Superleggera 699 di Gio Ponti viene prodotta ininterrottamente da Cassina dal 1957. Un motivo ci sarà, no?

Foto via Cassina

Caratteristica fondamentale di questo pezzo di design è certamente la sua leggerezza. Pesa solo 1.700 grammi, poggia su gambe a sezione triangolare di appena 18 mm e il suo schienale ad angolo ha rappresentato una grande innovazione. Lo spunto per questa sedia arriva però dalla tradizione italiana. Lo stesso architetto e designer dice di essere partito dalla tradizione della sedia ligure di Chiavari per arrivare a qualcosa di totalmente nuovo, innovativo.

La Superleggera 699 ha una struttura di legno di frassino naturale, tinto ebano o laccato (bianco o bianco e nero) e la seduta in canna d’india intrecciata. Un pezzo senza tempo di ineguagliabile raffinatezza.

5 icone del design intramontabili: #lista2
Foto via Cassina

Porta la firma del duo Achille Castiglioni & Pio Manzù questa lampada datata 1971. Il duo è di quelli insoliti. Da una parte una firma già assai nota nel mondo del design dell’illuminotecnica, dall’altra un nome legato alla Fiat e dunque al design automobilistico. Il risultato è una lampada attualissima ancora oggi, di grande impatto visivo, versatile e dal prezzo non inaccessibile.

5 icone del design intramontabili: #lista2
Foto via Flos

La particolarità di questa lampada è decisamente ciò che non è.

Non è una lampada da terra ma non è neanche una da soffitto.

E’ entrambe e nessuna.

Essenziale nella forma grazie al suo cavo d’acciaio terra/soffitto che rimane teso con l’uso di un peso alla base, è caratterizzata da un tubo metallico a forma di parentesi che da il là al nome del pezzo. Questo pezzo metallico può essere spostato in alto, in basso e ruotato attorno all’asse verticale, facendo diventare Parentesi ciò di cui hai bisogno e riuscendo ad essere facilmente inseribile in qualsiasi spazio di casa.

Dall’ingresso alla camera da letto.

Foto via Flos

La firma di questa lampada è un’altra di quelle che non ha bisogno di presentazioni. L’architetto e designer milanese è stato insieme ad altre famose firme del suo tempo (vedi Gio Ponti ad esempio) tra i maggiori esponenti di un periodo florido per l’architettura ed il design italiano.

Con la lampada Atollo, realizzata nel 1977, ha rivoluzionato i vecchi canoni del della classica abat-jour e vinto 2 anni dopo il Compasso d’Oro.

5 icone del design intramontabili: #lista2
Foto via Oluce

Questa lampada è costituita da tre pezzi geometrici, calibrati e sovrapposti: un cilindro, un cono ed una semisfera. Ed il risultato è che a distanza di quasi 45 anni questa lampada è ancora moderna, perfettamente inseribile in contesti contemporanei e difficilmente superata in eleganza e bellezza.

E’ disponibile in due diversi materiali per la calotta, alluminio laccato o vetro opalino. La differenza sostanziale tra i due è nella diffusione della luce e dunque nel mood che si crea nell’ambiente in cui è inserita. Bellissima la versione oro.

Foto via Oluce
5 icone del design intramontabili: #lista2
Foto via Oluce

E con Atollo finisce la selezione di oggi.

Ti aspetto alla prossima lista con la Rubrica Icone del Design.

Vittoria

Foto in evidenza di Cassina.

Ti potrebbero interessare

10 comments

  1. Uno più bello dell’altro. Davvero intramontabili. Se hai uno di questi pezzi in casa lo senti ormai come uno di famiglia. Lo sgabello di Artek poi (e il suo papà Alvar Aalto) sono sempre nel mio cuore.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *